cerca ] [ prologo ] [ vita ] [ ereditÓ ] [ parole ] [ foto ] [ contributi ] [ commenti ] [ directory ] [ crediti ]

Malcolm X t-shirts on PopIconTees.com MALCOLM X's T-Shirts

Contributi

El-Hajj Malik El-Shabazz (Malcolm X)


"Islam, rivoluzione e razzismo"


di Federica Mereu

 

II

 

Secondo Elijah Muhammed, capo spirituale della Nation of Islam - la setta pseudo islamica all’interno della quale Malcolm X milit˛ per dodici anni, per “rimettere in piedi questa razza poderosa”, i neri avrebbero dovuto prendere coscienza della loro miseria, abbandonare la vita immorale che conducevano e, soprattutto, identificare il responsabile delle loro condizioni: l’uomo bianco (“white man is the devil”). Per elevare le condizioni fisiche, morali, sociali e politiche degli Afro-Americani, la Nation of Islam proponeva una soluzione che si articolava in due momenti maieutici: una pars destruens: distruggere le false definizioni di identitÓ e una pars construens: costruire un’identitÓ autentica.


Attraverso l’odio, si intendeva distruggere l’identitÓ falsa dei neri. Quale forza infatti sarebbe stata capace di smuoverli, spingerli a reagire all’oppressione, trasformandoli da soggetti sottomessi, passivi e impotenti in impavidi guerrieri? L’odio. Attraverso l’antagonismo e il conflitto con un gruppo nemico, infatti, aumenta anche il senso di solidarietÓ, di coesione e soprattutto aumenta l’identificazione con il proprio gruppo.


In un secondo momento si sarebbe potuto ricostruire, nel vuoto formatosi, un’identitÓ autentica. Secondo Luciano Gallino, identitÓ e identificazione sono processi che si implicano a vicenda: “Non si dÓ identitÓ nÚ soggettiva nÚ oggettiva senza il riferimento a qualche forma di identificazione, nÚ esiste identificazione che sia scindibile da un’identitÓ” [Gallino 1982: 145]. Ma quale ideologia forte in cui credere, a cui aderire, in cui identificarsi avrebbe dato senso alle loro esistenze e ridestato l’antico spirito battagliero? L’Islam, “la religione naturale dei neri” - considerata oggi da alcuni come “l’ultima ideologia” - una religione che nutre una sufficiente carica di odio verso gli ingiusti e gli oppressori, era la risposta alle loro necessitÓ.


Attraverso l’identificazione con una religione, la Nation of Islam offriva un’identitÓ adeguata alle aspirazioni dei neri, l’identitÓ di muslim, musulmani, che permetteva di riappropriarsi della memoria storica e delle loro radici nella terra originaria, l’Africa. Durante gli anni in cui fu portavoce di Elijah Muhammed, Malcolm X infuocava gli animi dei neri attraverso una forte contrapposizione antagonistica con i bianchi, con posizioni estremistiche, fanatismo religioso e ideali separatisti. In questo senso l’odio era uno strumento per rifiutare le definizioni della realtÓ date dai bianchi e svolgeva una funzione catartica e liberatrice.

 

 

Pagine - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - Bibliografia - Note

 

<< Precedente

Continua >>